Spaghetti Polls: perché i sondaggi italiani non ci azzeccano mai?

medium_3506384537È di venerdì scorso l’ennesima clamorosa notizia sui sondaggi. Secondo SWG, nelle intenzioni di voto degli elettori il centrodestra torna ad essere la prima coalizione con il 32,5% dei consensi. Il PDL guadagna quasi il 4,6% rispetto al risultato raccolto nelle urne. In leggera crescita (lo 0,6%) il PD che però resta dietro mentre il M5S, che perde 2.1 punti percentuali, terzo partito.

Quindi il PDL aveva solo bisogno di un mese in più per completare la rimonta. E magari anche di una legislatura a vuoto.

Bene. Qui si impone un’approfondita analisi. Un’analisi su come gli elettori stiano valutando l’operato dei propri eletti in queste prime settimane. Un’analisi su come le dinamiche tra le forze politiche e lo stallo istituzionale nel quale il Paese si trova abbiano influito sul delinearsi di queste nuove tendenze.

Oppure no? Va bene l’analisi, ma una delle cose che le scorse elezioni ci hanno insegnato è la seguente: compiere un’analisi sulla base di un sondaggio elettorale italiano è perfettamente inutile, se non a influenzare retroattivamente l’elettorato.

Ok, lo sappiamo che è come sparare sulla Croce Rossa, ma vediamo quali erano gli ultimi sondaggi SWG prima delle elezioni per le 4 principali coalizioni (partito nel caso del M5S):

CS: 33,1 – CD: 27,8 – M5S: 18,8 – SC: 13,0

Questi invece i risultati elettorali del 25 febbraio:

CS: 31,6 – CD: 30,7 – M5S: 23,8 – SC: 9,1

E questi i sondaggi di SWG dello scorso venerdì 29 marzo:

CS: 29,6 – CD: 32,5 – MS5: 24,8 – SC: 8,7

Come tutti hanno avuto modo di osservare, l’errore più grossolano è stato la consistente sottovalutazione dei voti al M5S. Ben 5 punti percentuali nel caso di SWG, di più in altri casi. Inoltre erano stati, pressocchè da tutti gli istituti, sottostimati i voti alla coalizione di Centrodestra e sovrastimati i voti al Centrosinistra, a Scelta Civica e in generale ai partiti “minori”. Cosa determina questo errore così ampio?

Forse i sondaggi non sono affidabili perché buona parte degli elettori rimane indecisa fino all’ingresso nei seggi?

Questa è una spiegazione che è stata fornita da alcuni sondaggisti. Spiegazione che suona molto come una giustificazione, in effetti: come può l’indecisione di una fetta di elettorato risolversi quasi esclusivamente nella spinta a M5S? Inoltre, ci si aspetterebbe che i modelli statistici dei vari istituti prendano in considerazione anche fattori di questo tipo.

Un’altra prova a discarico di questa tesi verrebbe dai famigerati instant poll divulgati alla chiusura delle urne. Essi non risentono dell’indecisione di una fetta dell’elettorato (sono sondaggi effettuati su chi ha già votato), eppure si sono anch’essi rivelati errati.

Ma gli instant poll sono sempre inaffidabili!

Certo, c’è chi dice che gli instant poll sono inutili (il vicepresidente di SWG ha dichiarato che bisognerebbe non effettuarli più perché poco affidabili) ma, in realtà, in termini di errore assoluto, erano più vicini al risultato reale di quanto non lo fossero gli ultimi sondaggi pre-elettorali. Con buona pace di chi nelle ultime settimane li ha dipinti come la causa di tutti i mali.

Allora gli intervistati mentono per proteggere il segreto dell’urna?

Questo è un argomento di cui sentiamo parlare dai tempi della DC, passando per Forza Italia e il PDL. Che gli elettori ora si vergognino del M5S? Magari la natura complottistica dell’elettorato grillino li rende più paranoici dell’elettore del PD?

Verrebbe inoltre da chiedersi come mai questa timidezza dell’elettorato valga sia per gli instant poll (plausibile) che per i sondaggi pre-elettorali (meno plausibile). E c’è un altro fattore da tenere in considerazione:

Come mai nei sondaggi post-voto le stime sono molto prossime ai risultati elettorali?

Magari gli elettori M5S, legittimati dal buon risultato, smettono di mentire? O tutti gli indecisi hanno ormai maturato una granitica fede nel partito grillino?

Più probabilmente, per far quadrare i conti, i sondaggisti operano dei bilanciamenti posticci del campione, che però sembrano lasciare il tempo che trovano. Come ogni scienziato dovrebbe sapere, correggere i propri risultati a posteriori equivale a barare. E non rende il modello sottostante più affidabile.

Il problema dei sondaggi italiani sta nella composizione del campione sondato

Questa l’opinione più diffusa. Per fare un esempio, la metodologia di raccolta dati C.A.T.I., che è la più largamente utilizzata, raccoglie le interviste di soli utenti di telefonia fissa, escludendo così dal campiane un’ampia fascia di giovani che possiedono soltanto telefoni cellulari. Fascia che, come è noto, ha costituito una componente essenziale del voto al M5S.

Inoltre l’estremamente variegata e frammentata scena politica italiana contribuisce all’inaffidabilità dei sondaggi. Adottando un campione consistente in 1000 interviste, come nel metodo più comunemente utilizzato, 10 dichiarazioni di voto in più o in meno spostano un punto percentuale che, specie per i piccoli partiti e soprattutto in presenza di soglie di sbarramento, può rappresentare un capitale.

Quindi?

Pare che al momento non ci resti che rassegnarci ad avere ulteriori grossi colpi di scena alle elezioni. Sempre a meno di autorevoli spoiler.

photo credit: CiuPix via photopin cc

Advertisements

One response to “Spaghetti Polls: perché i sondaggi italiani non ci azzeccano mai?

  1. Buongiorno,
    Ti contatto tramite commento perché non ho trovato altro modo per farlo.
    Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano interessanti per i lettori del nostro magazine e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti,

    Silvia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s