Ha ragione Grillo

large__8475842371

Grillo incontra oggi a Roma i parlamentari del M5S. Si discute sull’opportunità di un accordo con il PD per la formazione di un Governo, secondo alcuni giornali. Si regolano i conti coi dissidenti, secondo altri. Si va a un’allegra gita tra compagni di partito, secondo Crimi.

Qualunque sia l’ordine del giorno, che ci siano dei parlamentari 5 stelle a caldeggiare un confronto col PD è ormai un fatto noto. Ed è anche un fatto noto come un certo malcontento stia montando tra gli elettori del MoVimento per la politica di totale chiusura messa in atto nelle ultime settimane.

Come risponderà Grillo (e il M5S a seguire) a questo malcontento? Semplicemente non risponderà, se non come ha già fatto: chi vuole il dialogo ha sbagliato a votare M5S.

Beppe Grillo è stato unico attore di una campagna elettorale tutta imperneata sul disprezzo dei partiti e la distruzione della vecchia politica. Anche se un tentativo di dare una dignità programmatica al M5S è stato fatto, non c’è dubbio che l’argomento che ha avuto più presa sull’elettorato, specie nella sua parte socialmente più debole, è stata la promessa di uno tzunami che avrebbe spazzato via tutti gli esponenti della vecchia politica. Senza distinguo: tutti  “morti”, tutti “finiti”. Come potrebbe adesso Beppe Grillo approvare un accordo con uno di quei partiti che tanto violentemente ha attaccato? Come giustificare l’appoggio a una “casta” considerata unica resposabile dei problemi del Paese?

Si potrebbe obiettare che Grillo così agendo non stia mantenendo le promesse di democrazia diretta e di consultazione della base, punti sui quali ha acquisito forti consensi. Vero, ma c’era da aspettarselo. Che Grillo non brillasse per democraticità era piuttosto chiaro. Affermazioni come “se c’è qualcuno che reputa che io non sia democratico […] prende e va fuori dalle palle” non hanno bisogno di molti commenti. E poi, l’espulsione di chiunque sollevi un dibattito interno, la linea politica imposta dal blog, la campagna elettorale condotta in solitaria, il rifiuto di ogni tipo di confronto esterno al movimento (se non coi neofascisti di CasaPound)… Non era tutto molto chiaro?

Mentre si blandisce la base con lo streaming dell’incontro tra i portavoce M5S e Bersani, coi portavoce a ripetere una lezioncina impartita dall’alto, gli utenti del blog di Grillo si sgolano inutilmente in migliaia di commenti che nessuno leggerà mai. Altrettanto inutilmente, i parlamentari M5S dicono la loro sulle pagine dei social network o sui giornali, sempre prontamente smentiti se non in linea con il pensiero del capo supremo.

E’ possibile che dall’incontro di oggi nasca un dibattito interno per cambiare la linea del MoVimento e rivederne le priorità? Speriamo.

Nel frattempo, ha ragione Grillo: Chi si lamenta ha semplicemente sbagliato a votare M5S.

photo credit: LucaXino via photopin cc

Advertisements

3 responses to “Ha ragione Grillo

  1. bene io non votavo da 32 anni ed ora sono tornato per il 5 stelle.
    devo dire che anche grazie ad articoli come il tuo mi convinco sempre più che la disinformazione ormai è atutto campo. spero che molti lo leggano e capiscano quanto sia meglio sostenere e votare più numerosi il “MOVIMENTO 5 STELLE”, grazie ancora

  2. Ciao, se vuoi possiamo discutere di cosa nel post sia foriero di disinformazione. Saremo più che felici di togliere eventuali imprecisioni o errori. Contenti che tu sia soddisfatto del tuo voto, comunque.

  3. Già, si blandisce la base con lo streming in diretta delle consultazioni. Poi però tentano un incontro segreto a cui non è ammesso nessuno … alla faccia della trasparenza (e della coerenza)!!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s