Emma Bonino, raccontiamola giusta

head

Negli ultimi giorni, si è parlato molto della possibilità di eleggere Emma Bonino a Presidente della Repubblica. Insieme agli attestati di stima pervenutile da diverse aree politiche e della società civile, sono cominciate a girare voci poco rassicuranti sul suo conto.

Primo tra i detrattori il nostro giornalista preferito, Marco Travaglio, con due articoli: “Si fa presto a dire Bonino” e “Madonna Bonino“. Articoli che hanno alimentato una serie di voci non confermate e luoghi comuni da sfatare:

Si è candidata con Forza Italia nel ’94 e nel ’96!

Questo è quello che dice Travaglio. Ed è falso. La Bonino, alle politiche del ’94, era candidata con la Lista Pannella, naturalmente. Pannella aveva trovato l’accordo con Berlusconi e la sua Lista era entrata a far parte del Polo delle Libertà a nord (non col Polo del Buon Governo a sud). Bonino fu quindi eletta nella coalizione berlusconiana, sì, ed entrò a far parte del gruppo parlamentare di Forza Italia (i parlamentari radicali non erano in numero sufficiente a formare un gruppo proprio). C’è anche da dire che i radicali hanno sempre cercato l’accordo con chiunque appoggiasse le loro politiche, e proprio questo era avvenuto nel ’94, quando Berlusconi promise le riforme liberali che i radicali volevano.

Nel ’96, Bonino non si candidò proprio. Successivamente, i radicali (con la Lista Bonino-Pannella) non si allearono più col centrodestra (non si capisce, dunque, da dove venga questa presunta alleanza “fino al 2006” di cui Travaglio parla).

Però ha elogiato l’operato di Berlusconi come Primo Ministro nel 2005

Qui le cose si fanno interessanti. Travaglio riporta una dichiarazione di Bonino, con tanto di virgolettati:

“Con Berlusconi abbiamo iniziato un lavoro molto serio… apprezziamo ciò che sta facendo come premier, ma la posizione degli alleati è nota”

Ma l’unica altra copia di questa ANSA l’abbiamo ritrovata sul sito dei radicali, ed è leggermente diversa:

”Con Berlusconi abbiamo iniziato un lavoro molto serio che, pero’, non ha ancora portato a molto”. Lo ha detto Emma Bonino parlando alla manifestazione dei Radicali sotto la sede dell’Unione a piazza SS. Apostoli. ”Apprezziamo – ha aggiunto – quello che sta facendo il premier, ma la posizione degli alleati e’ nota”. Quindi ”non e’ detto che alla fine riesca” a superare quei veti.

Apprezziamo quello che sta facendo “IL premier”, non “COME premier”. Tra le due espressioni c’è una differenza enorme. Se, nel primo caso, si apprezza il tentativo del premier di trovare un accordo programmatico (che non ci sarà), nel secondo caso si apprezza l’operato del premier in toto. Dato che l’ANSA dei radicali è riportata per intero e senza redazioni, si potrebbe propendere per un errore da parte di Travaglio. A voler essere maliziosi come un Travaglio, si potrebbe insinuare l’abbia fatto apposta.

E la storia delle frequenze occupate abusivamente da Rete4?

L’1 aprile 2008 (Travaglio erroneamente scrive 2007), Emma Bonino, in qualità di Ministro delle Politiche Europee del secondo governo Prodi, presenta un decreto per l’attuazione delle sentenze della Corte di Giustizia europea. Il sospettoso Travaglio però evidenzia come la Bonino avesse deciso di tralasciare la sentenza che aveva dato torto al gruppo Mediaset. Ironizza inoltre su una dichiarazione in cui la Bonino pare sostenesse di non aver preso in considerazione la sentenza perchè non urgente (erano passati circa 9 anni da quando Europa7 aveva vinto la gara per le frequenze). La Bonino, pochi giorni dopo quell’1 aprile, aveva in realtà risposto a Travaglio dicendo tutt’altro che “non è urgente”:

Il decreto legge intende sanare quelle procedure di infrazione su cui il nostro Paese è stato condannato dalla Corte di Giustizia europea e che necessitano l’adozione di atti normativi per scongiurare il rischio di multe e sanzioni per mancato adempimento. Come è noto, invece, nel caso di Europa 7, il coinvolgimento della Corte di Giustizia europea è stato di natura interpretativa, a seguito della richiesta del Consiglio di Stato di un parere sul diritto comunitario in materia per poter valutare la compatibilità con esso di norme o comportamenti dello Stato. Dell’interpretazione della Corte deve ora tener conto il Consiglio di Stato, organo che ha attivato la procedura, affinché possano essere assunti gli opportuni provvedimenti. Pertanto, il decreto legge del 1 aprile non era lo strumento per affrontare e risolvere l’annoso caso di Europa 7 sul quale, nel merito, la mia posizione è chiara. Per quanto mi riguarda, non ci sono né clamorose dietrologie da scoprire né retropensieri di alcun tipo da denunciare.

Però il fatto che abbia votato contro l’incarcerazione di Cosentino è indifendibile

I radicali sono semplicemente stati coerenti con loro stessi. La richiesta per Cosentino era di incarcerazione preventiva e, si sa, i radicali sono contrari a queste misure. E non per coprire le spalle ai parlamentari: in altri tre casi, i radicali stessi avevano votato a favore di procedimenti di incarcerazione per parlamentari. Per chi voglia sentirlo spiegare (meglio di come facciamo noi) dalla Bonino stessa:

E per quanto riguarda il sostegno agli OGM non riportati sull’etichetta?

Dire che sia sfavorevole all’indicazione della presenza di OGM sull’etichetta dei prodotti è quantomeno impreciso. Citiamo quanto detto dalla stessa Bonino per chi voglia farsi un’opinione più informata:

Il regolamento comunitario che entra in vigore il 1° gennaio prossimo è la mera applicazione di quanto già previsto dalla Commissione europea […] dove viene indicato che la presenza accidentale di Ogm dei prodotti alimentari, sia convenzionali che biologici, non deve essere segnalata sull’etichetta se il livello è e resta al di sotto della soglia del 0,9%. Nulla di nuovo sotto il sole, quindi.

Petrini chiede di fissare la soglia a 0,1%, cioè la percentuale minima rilevabile. Segnalo che neppure la federazione mondiale per l’agricoltura organica (IFOAM) è su una posizione così integralista (e isolata: in Europa solo 4 Stati membri su 27 la sostengono)

E il fatto che faceva parte del gruppo Bilderberg? Quelli sono tutti massoni

Non ne faceva parte, è solo stata invitata ad un incontro in quanto commissario europeo (come scrive correttamente Travaglio). Che poi il gruppo Bilderberg sia un’associazione segreta il cui scopo è quello di controllare il mondo è una speculazione complottistica che lascia il tempo che trova.

Travaglio ha scritto che Bonino non ha detto nulla su Guantanamo o Abu Ghraib

Travaglio ha cercato “disperatamente” nell’archivio ANSA, ma non se la cava bene con Google, evidentemente. Veniamo noi in soccorso alla sua disperazione: uno e due.

Va bene, allora perché non si sarebbe opposta all’intervento in Afghanistan, Iraq o Bosnia? E al cessate il fuoco in Afghanistan, addirittura

Certo, Bonino ha delle opinioni forti in merito. Ma non si può considerarla certo una guerrafondaia, visto che è sempre stata molto impegnata sul fronte pacifista e del disarmo. Inoltre, ha una certa esperienza nel campo umanitario (già nel 1997 si era recata in Afghanistan e aveva denunciato il regime Talebano, ad esempio), quindi la sua opinione al riguardo varrà pur la pena di sentirla:

Secondo l’esponente radicale una sospensione dei bombardamenti servirebbe solo ai talebani per riorganizzarsi e ricorda come ai tempi della guerra contro la Serbia furono avanzate analoghe proposte «e giustamente si disse di no perché questo dava tempo ai serbi di riorganizzarsi». A questo proposito la Bonino ricorda come l’impegno costante della Nato contro la Serbia di Milosevic ha consentito di abbattere il suo regime e di consentire a quel paese un ritorno alla democrazia.

Imprecisioni, omissioni, semplificazioni, balle vere e proprie. Se “Madonna Bonino” non è perfetta, anche Gesù Travaglio lascia parecchio a desiderare.

photo credit: framino via photopin cc

Advertisements

23 responses to “Emma Bonino, raccontiamola giusta

  1. Aggiungerei che i Radicali erano contrari alla guerra in Iraq e avevano proposto di fornire a Saddam Hussein un salvacondotto per lasciare il paese indenne e senza una guerra

  2. E, ormai i casi a dimostrazione sono millanta, non è pressapochismo ma faziosità e malafede.

  3. Parliamo anche del fatto che Travaglio terrorizzato che i 5 stelle votassero per la Bonino, è tornato magicamente in video sulla tv 5 stelle in pieno voto aperto? Lui Grillo e Casaleggio dovevano essere proprio terrorizzati e ancora oggi non si sa nulla dei risultati in modo dettagliato. Questa è trasparenza? Quanti elettori 5 stelle si sono lamentati e offesi della mancanza di rispetto che i 3 guru hanno loro riservato e hanno riservato soprattutto alla loro libertà autonoma di scelta? Casaleggio che dà indicazioni di voto il giorno di voto, non mi pare molto corretto,ma non per me, per loro che credono di essere liberi e indipendenti. Cari 5 stelle, che non sapete nulla della vita di Emma Bonino, che pretendete di sapere tutto solo perchè avete seguito Travaglio senza verificare, senza chiedere che venisse data a Emma Bonino la possibilità di replicare. No, la Bonino da anni non può mai replicare e parlare nelle trasmissioni tv dove i Santoro e i Travaglio e i Floris invitano solo chi fa loro comodo. Prima di denigrare così una persona onesta, trasparente e che ha sempre scelto in autonomia prendendosi le sue responsabilità per le conseguenze, bisognerebbe conoscere le basi della democrazia. Democrazia non è certo un voto bloccato fatto con i mezzi di Casaleggio. Per Travaglio che Emma Bonino abbia portato al MONDO la moratoria universale ONU contro la pena di morte, la moratoria universale ONU contro le mutilazioni genitali femminili ad esempio non sono cose da citare. Del resto, c’è qualcuno che di quest’ultima a dicembre ha visto qualcosa in tv? Il mondo festeggiava, il mondo parlava di Emma Bonino e di Non c’è pace senza giustizia, in Italia la solita censura. Cari 5 stelle, prima di credere a Travaglio sulla Bonino Berlusconiana, studiate un po’ di storia di quegli anni e soprattutto non dimenticate che il vostro guru, quello sì, era candidato con Forza Italia. Ma nel populismo generale, questo non conta.

  4. Pingback: Niente di rosa all’orizzonte | Rosa - PaperProject.it·

  5. i think you have to explain what you think about the global Marco Travaglio thought’s and vision of the last 20 years in Italy, that he explained very clearly in a lot of books and articles and a show that he has been carrying on in many italian theatres for about 5 years, particularly regarding the agreement between Italian state and “mafia” and the fact we have a political leader, Mister B. unfit to lead Italy and an incredible opposition that isn’t a real opposition as we have seen today for the neverending time for the President’s election. It is evident that in 20 years Marco Travaglio is one of the few italian journalist that makes is job of journalist sincerely and courageosly telling things as they are. I’m not perfect in my job too but I want to be judged for all I have done (written) and not only for few mistakes. Tonight nobody speaks more about Emma Bonino for President.

    • Massimiliano, I don’t think these are mistakes at all. Travaglio deliberately bends facts and words to slay whoever he wants. He’s lost lots of civil lawsuits because of this. And a google search of “debunking Travaglio” will show you that it’s sure more than a few mistakes we’re talking about.
      Claudio

  6. Sarò suggestionato dalle varie teorie complottistiche che ormai circolano in rete, ma io una che ha partecipato anche occasionalmente alle riunioni del gruppo bildeberg non la voglio come prdr. Poteva sempre rifiutarsi.

  7. se dici che il le teorie complottistiche lasciano il tempo che trovano allora vuol dire che non sai nulla del Bilderberg..non sai chi ne fa parte,come ad esempio Rockfeller,colui che parlò di un attacco all’Iraq (qui le fonti https://www.youtube.com/watch?v=VxQTd2jtSMQ)..quindi spiegami tu perchè uno dovrebbe andarci,non è che se io non condivido ciò che dice Grillo ma sono sindaco del mio comune ci devo andare per forza,no? In secondo luogo la Bonino,radicale,si è sempre spacciata come una pacifista..mentre era in prima linea per fare le “guerre di pace” ai paesi orientali..ce ne sarebbero migliaia di cosa da scrivere contro la Bonino..una di queste è la posizione contro l’infibulazione(circoncisione femminile) noi potremmo essere contrari ma deve restare un nostra opinione e dobbiamo smetterla di guardare il mondo da una prospettiva etnocentrica così estrema senza provare a capire come mai uno lo fa,non puoi pensare di eliminare dei tratti caratteristici di una cultura solo perchè a te non vanno bene,non siamo padroni del mondo..e soprattutto un presidente della repubblica deve essere il più equilibrato possibile,cosa che la Bonino(come ti ho ampiamente dimostrato) non è!

    • Controllo delle menti attraverso i microchip? Preannuncio dell’11 settembre? La tua fonte è inattendibile.
      E difendere l’infibulazione come tratto caratteristico di una cultura è una sciocchezza.

      • Per piacere prima di parlare di sciocchezza argomenta in maniera convincente la tua risposta,senno qui non si riflette mai sulle cose..vai anche solo ad informarti dove sia praticata l’infibulazione e cosa comporterebbe non fare questa pratica..(per una piccola infarinata http://it.m.wikipedia.org/wiki/Infibulazione) questa vostra supponenza di pensare che la propria cultura sia la migliore e per questo va esportata è una di quelle stupidaggini colossali,e te lo scrivo da italiano..quando si analizza una cultura bisogna cercare il più possibile di staccarsi dalla propria ed entrare nei canoni di pensiero altrui( ad esempio il cannibalismo è una pratica molto cruenta,ma studi antropologici hanno dimostrato come il guerriero che veniva catturato e poi mangiato,anche a distanza di anni,era contento perché in questo modo sarebbe rivissuto nel corpo degli altri)..il concetto fondamentale quindi è come prima cosa rispettare la cultura,le tradizioni(che a loro volta plasmano la cultura) di altri popoli ed astenersi da una critica come “è una sciocchezza” perché è veramente poco costruttiva oltre ad essere di basso livello intelletuale..per quanto riguarda il gruppo Bilderberg anche qui pecchi di ignoranza in materia,potrei citarti alcuni esempi di una potenza come un tale gruppo..vi sono libri su libri che ne documentano l’esistenza,con tanto di foto(vedi ad esempio il libro “club bilderberg”) in questo gruppo cosi influente a livello planetario è presente anche il signor rockfeller(quindi sarà inventato quel discorso?magari si ma la questione mi puzza un pochetto)..ma non solo: (ad esempio) uno dei loro obiettivi principali è la de-industrializzazione,ciò provoca una crescita di disoccupazione..guarda caso è proprio quello che sta avvenendo..e non a caso monti(anche lui membro,insieme a Enrico letta,Gianni Riotta,jhon elkann,per citarne alcuni) durante il suo governo ha puntato soprattutto sul mercato finanziario,mentre tassando a dismisura le piccole e medie imprese le sta costringendo a chiudere..sarà una coincidenza? Puòdarsi,ma iniziano a diventare troppe..in ultima istanza spero vivamente che tu non creda alle bufale delle guerre di pace,visto che hanno dei chiari intenti lucrosi alle loro spalle!

      • Grazie per il link, anche io so usare wikipedia comunque.
        Argomentiamo, visto che la cosa non sembra essere chiara: il fatto che una cultura (retrograda) imponga una certa pratica non vuol dire che questa pratica sia corretta. Mutilare i genitali di una persona perché così decidono tuo padre o tuo fratello (perché così succede in società patriarcali) non è giustificabile in alcun modo. E solo con l’informazione si possono evitare queste sofferenze alle persone che ne sono vittime. La tradizione al primo posto? A questo punto potremmo giustificare qualunque nefandezza col fatto che “è tradizione”. Ripeto: sciocchezze.
        E chiudo qui la discussione su questo argomento.

        Per quanto riguarda Bilderberg, nessuno ha detto che non esiste. Semplicemente, dire che: “oh, controllano il mondo!” è roba da complottisti (infatti, il video che hai linkato tu era di un complottista). Conosci l’inglese?
        http://www.thelocal.se/33700/20110511/#.UXf0s0meLZs

    • MI AVETE OSCURATO PER BEN 2 VOLTE. Che pena per gente come voi che si professa come i detentori della verità ma poi oscurate qualcuno che la pensa diversamente da voi e vi mette all’angolo con argomentazioni a cui non riuscite nemmeno a controbattere essendo,le vostre di argomentazioni,cosi scialbe e dettate da cio che vi viene propinato quotidianamente..mentre basta informarsi e guardare col proprio occhio per trarre delle conclusioni sensate..cosa che voi non fate,perdete tempo a contraddire uno dei pochi giornalisti buoni che sono rimasti,difendendo una becera suorina laica..contenti voi,ma sappiate che il vostro modo di fare informazione è alquanto ridicolo,è troppo facile oscurare ed evitare il dialogo,vi dimostrate per quello che siete: fascisti..appena uno la pensa diversamente,Zac,tappiamogli la “bocca”

      • Era un commento largamente off topic. Avevo espressamente detto che la questione sull’infibulazione era chiusa lì, visto che non aveva nulla a che fare con il post in questione, dopo che avevo fornito le argomentazioni richieste.
        Se vuoi rispondere con un commento in tema, accomodati. Ché siamo fascisti di buon cuore, noi.

  8. Io direi che anche con le vostre precisazioni non è che cambi molto…avete presente la pagliuzza e la trave? E’ stata alleata con Berlusconi, contro l’arresto di Cosentino, è stata a favore di diverse guerre pretestuose (e la chiamiamo ancora pacifista!?). Su Guantanamo e Abu Ghraib dalla Paladina Bonino era legittimo aspettarsi qualche urlo di indignazione in più o no? un po’ poco un misero articolino; Non ricordo piazzate o scioperi della fame. Lascio perdere Europa 7 e Ogm che sono questioni più tecniche. E le frasi vergognose su Gino Strada ve le siete dimenticate…insomma, lo stesso discorso che fate a Travaglio lo si può fare a voi.

  9. Pingback: Prima delle opinioni, vengono i fatti « ilpicchioparlante·

  10. Senza considerare l’ultima sparata,sullo lo scandalo del datagate(gli americani che ci spiano), lei si è limitata a dire: “non sono cose carine anche se l’amicizia rimane”, ma ci prende per i fondelli? bisogna far luce sulla questione, non essere degli animaletti ammaestrati e lasciar fare tutto ciò che gli pare e piace all’altro..lei è ministro degli esteri italiani, e in quanto tale deve proteggere i suoi cittadini… !

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s