Gli unici a poter mantenere in vita il PD

origin_5093762440_cropped

È difficile scrivere un post in giorni convulsi, mentre gli scenari cambiano vorticosamente. Ora che abbiamo un nuovo, vecchio Presidente della Repubblica, però, è possibile buttare giù un paio di considerazioni su quello che è successo negli ultimi giorni.

Il PD, unico vero partito a vocazione maggioritaria rimasto in questo paese, ha fallito. Un fallimento di Bersani e del gruppo dirigente, certo. Un fallimento che non va semplicemente rintracciato nelle cattive strategie adottate per l’elezione del PdR, ma che è insito nella natura di un partito che non ha mai trovato coesione all’ombra di un Segretario che si poneva a garante dei delicati equilibri tra le correnti interne. Un fallimento che viene da lontano.

La ricerca di un Presidente il più possibile condiviso tra le forze politiche (sì, anche il PDL) è un atto meritorio: garantire tutti gli elettori, anche chi ha votato a destra. Ma per evitare che la gente gridasse “all’inciucio”, la necessità di condivisione doveva essere spiegata agli elettori e, soprattutto, le condizioni dovevano essere dettate dal PD. E’ successo tutt’altro.

La scelta del Segreteria di proporre la candidatura Marini contro un terzo della propria assemblea per inseguire una convergenza con il centro e la destra ha risposto a logiche tanto antiche da risultare oggi incomprensibili.

Dietro l’accordo per la candidatura di Marini era lapalissiano si celasse l’intenzione di stabilire una collaborazione in un’ottica governissimo. Come pensare che gli elettori potessero gradire una mossa di questo tipo?

Evidentemente, l’elettorato non era la priorità.

La buona notizia, in tutto questo, veniva dalla sincera opposizione della parte migliore (e più giovane) del partito che si è opposta alla candidatura di Marini e ha fatto valere le proprie ragioni a viso aperto. La sola buona notizia a fronte del disastro che stava per consumarsi.

Dopo il flop della prima votazione, sembrava che il PD avesse ritrovato la bussola con la candidatura di Romano Prodi. Invece è qui che le antiche divisioni interne del partito si sono palesate in tutta la loro miope mediocrità. Cento tra quegli stessi parlamentari che erano scattati in piedi per una standing ovation alla decisione di candidare Prodi hanno ritenuto di affossarlo in segreto.

Proprio per questo, come spiegato da più parti, l’appoggio alla candidatura di Rodotà era impossibile. Semplicemente, il PD non poteva garantire a M5S il numero sufficiente di voti ad eleggerlo. Perché metà del PD non lo avrebbe appoggiato.

L’accordo su Napolitano era a quel punto l’unica strada percorribile. Al costo di consolidare nell’opinione pubblica l’idea di un partito incapace di innovare e di compiere scelte politiche coraggiose. A ragione.

Bersani, come Franceschini e Veltroni prima di lui, non è riuscito a trovare la sintesi delle posizioni interne al proprio partito e a trasformarla in azione coesa. Non c’è riuscito perché lui stesso non è estraneo alle vecchie logiche di corrente che dividono il partito. Ne è espressione ed ostaggio allo stesso tempo.

E’ colpa di “quelli-di-sinistra-che-odiano-la-sinistra”, come scrive Civati sul suo blog. E poco importa che Bersani e l’intera segreteria si siano dimessi: gli stessi dirigenti che oggi dilaniano il partito domani si ricompatteranno convenientemente nell’opposizione al nuovo. Dirigenti che preferiscono condannare il partito alla stagnazione pur di mantenere la propria influenza.

Per questo il PD ha bisogno che il vecchio gruppo dirigente faccia un passo indietro a favore delle giovani risorse che già fervono al suo interno. Quei giovani che hanno difeso le proprie posizioni apertamente, portandole avanti con coerenza. Che hanno mostrato di essere capaci di una lettura più lucida dell’attuale situazione politica e sociale del Paese. Che sono cresciuti politicamente nel PD e che sono gli unici a poterlo mantenere in vita.

Il PD non avrebbe nulla da perdere dalla fuoriuscita di tutti quei componenti che non volessero accettare l’avvento di una leadership più capace. E non è una mera questione generazionale: semplicemente, i più giovani sono stati gli unici a dimostrarsi all’altezza.

photo credit: framino via photopin cc

Advertisements

2 responses to “Gli unici a poter mantenere in vita il PD

  1. Condivido tutto! ottimo post! se davvero si vuol mantenere in vita il PD occorre da oggi in poi sentirsi tutti a casa propria ed esserlo considerati da chiunque abiti la stessa casa, guardare avanti per costruire insieme il futuro con un partito progressista europeo che faccia dei temi la sua bandiera, intraprendere insieme un cammino non significa per forza condividere il passato. Moro e Berlinguer lo avevano capito 35 anni fa.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s